Dizionario degli Artisti

Qui di seguito sono elencati gli artisti censiti nella Banca dati dell'Istituto Matteucci. Ad ogni nome corrisponde una serie di dipinti archiviati, di cui l'Istituto, dietro richiesta, è in grado di trasmettere copia della relativa scheda. Ciò risponde alla volontà di mettere a disposizione di studiosi, mercanti d’arte, collezionisti o semplici appassionati uno strumento agile e efficace per soddisfare le diverse esigenze legate al mondo dell’arte, prima fra tutte l’approfondimento dell’attività di pittori, scultori, incisori, fotografi etc. Il “Dizionario degli artisti” si propone, quindi, come repertorio ragionato di nomi, talvolta accompagnati, se contrassegnati da asterisco, da biografia e da alcuni esempi di firma.


Le biografie sono tratte dal Dizionario degli artisti curato da Cristina Bonagura, parte integrante dell’opera Pittori & pittura dell’Ottocento italiano (1996-1997) coordinata da Giuliano Matteucci con la collaborazione di Paul Nicholls  e realizzata dalle Redazioni Grandi Opere dell’Istituto Geografico De Agostini, alle quali va il sincero ringraziamento dell'Istituto Matteucci per aver autorizzato la diffusione in rete dei testi.

Raimondi Edoardo *

RAIMONDI EDOARDO
Parma 1837 - Reggio nell'Emilia 1919
Figlio del pittore C. Raimondi Toschi, si segnalò soprattutto come paesista, vicino alla lezione di A. Fontanesi (Paesaggio padano, Parma, coll. Camera di Commercio), e come autore di quadri di genere e di soggetti mi-litari (Battaglia di Villafranca, Parma, Pinacoteca Stuard). Negli anni '60 abitò a Milano (in casa Crescioni), dove esordì alle mostre di Brera con tele legate a episodi delle campagne di guerra del 1859-1860 (1861, L'arrivo di un'avanguardia del Reggimento Piemonte Reale, Effetto d'alba nel napoletano-scena del brigantaggio, Un cortile rustico), seguite da opere di soggetto orientale (1864, I Turcos a Robecchetto, La Quiete, Costumi del Cairo). Negli anni successivi alternò dipinti ispirati alle guerre d’Indipendenza a soggetti realisti tratti in Liguria (Il merciajuolo di Chiavari, esposto a Genova nel 1868), nella campagna romana (I butteri-campagna romana-mattino, Dintorni di Roma-i cavallari, esposti a Genova nel 1879), nei dintorni di Parma (I mandriani e II Viatico- dintorni di Parma-studio dal vero, inviati a Milano nel 1872) e sul Po (Rivieraschi del Po fuggenti l'inondazione del dicembre 1872, esposto a Napoli nel 1877; Un mattino d'ottobre sulle rive del Po, esposto a Roma nel 1883). Numerosi anche i dipinti legati alla vita dei campi (Le spigolatrici nei dintorni di Pisa, La mandriana di tacchini, esposti a Genova nel 1877). Fu assiduo alle mostre fino al 1894; nel 1910 alcuni suoi studi veneziani comparvero alla Mostra della Società di Belle Arti di Firenze.
Sei qui: Home Dizionario degli Artisti Raimondi Edoardo *